TU, CHIAVARI, IL NOSTRO FUTURO.

invito 5 novembre

 

 

 

 

 

 

 

Lo spazio digitale che veniamo qui a proporre rappresenta uno dei versanti  lungo cui trascorre l’impegno che abbiamo assunto con l’incontro pubblico Tu, Chiavari, il nostro futuro, dello scorso novembre.

Ragionavamo, allora, di una città che sa darsi nuovi traguardi, che vuole riprendere in mano il proprio destino e di una politica che sceglie di rompere i suoi rituali stantii per ritrovare la capacità di progettare, di farsi fermento di innovazione; oggi – in piena aderenza alla nostra mossa iniziale – veniamo a promuovere un luogo di confronto centrato sulle idee, sulle competenze, sullo sguardo di prospettiva, sulle aspettative e sulle urgenze.

Altre ancora saranno, certamente, le creuze lungo cui faremo camminare la nostra passione per la discussione trasparente: tutte quante recheranno ben visibile l’impronta di costruttività e di partecipazione che ha, fin qui, segnato il nostro agire e che ci consente di rivendicare, con orgoglio, il nostro essere l’unico laboratorio politico pubblico presente in città.

Entro l’orizzonte appena citato, rivolgiamo a tutti l’invito a farci pervenire un contributo (da inviare a info@pdchiavari.it), che provvederemo a pubblicare. Resta ben inteso che la scelta di prendere parte al confronto, che veniamo, qui, ad avviare, non implica l’adesione al nostro partito né al progetto per la città che stiamo elaborando, ma solo la volontà, meritoria, di prendersi cura del futuro di Chiavari.

Gli interventi

 Leggere la città

 

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Lungo le strade, dentro i quartieri

Lungo le strade, dentro i quartieri.

Il Report.

Con l’iniziativa Lungo le strade, dentro i quartieri, il Circolo PD di Chiavari – Leivi – Zoagli ha dato inizio ad un percorso di raccolta capillare delle esigenze e delle indicazioni operative dei cittadini chiavaresi.
Ci siamo, fin qui, confrontati con tre contesti che detengono un peso primario all’interno del “sistema” città, ma che, purtroppo, esibiscono anche un grado significativo di logoramento di quelli che sono gli standard di funzionalità propri al regime urbano, in ragione, soprattutto, di uno sguardo pubblico che non è riuscito ancora ad abbracciare la prospettiva del rammendo, della ricostituzione dei luoghi della quotidianità.
Le finalità che hanno retto il nostro impegno, a cui intendiamo, peraltro, dare presto seguito, sono state – ci preme evidenziarlo – di ordine rigorosamente pubblico: abbiamo inteso ritessere il rapporto tra cittadini e istituzioni, ripristinare moduli di confronto comunitario, creare un circuito di attenzione e di visibilità allargata per le problematiche locali.
Proprio a quest’ultimo intendimento va riferita la redazione del presente report, che, al di là dell’accentuato schematismo della sua forma, chiede di essere letto come la trascrizione delle voci di tanti cittadini chiavaresi.

Quartiere di Ri.

1. Condizioni igieniche precarie nell’intera piazza in ragione delle deiezioni canine non raccolte dai proprietari degli animali e del mancato svuotamento dei contenitori fissi dei rifiuti.

2. Le acque piovane, provenienti dalla collina, giungono senza un’adeguata regimentazione in Via Ugolini, che risulta, pertanto, difficilmente transitabile per i pedoni in caso di piogge abbondanti.

3. Il sistema di irrigazione delle zone verdi di Piazza Del Buono risulta frequentemente non funzionante.

4. I servizi igienici collocati nella Piazza risultano costantemente inutilizzabili.

5. Le funzioni di vigilanza vengono esercitate dagli agenti della Polizia municipale in maniera troppo sporadica e questo incide, soprattutto, sulla sicurezza della mobilità pedonale.

6. Le asfaltature risultano, nel loro complesso, assai deteriorate e appare, in particolare, oltremodo scadente e pericoloso – in ragione della presenza di solchi di profondità superiore ai 3 cm. – il livello di esecuzione dei lavori di ripristino del manto stradale a seguito dei lavori di posa dei cavi in fibra ottica.

Un’opera di rifacimento del manto stradale in corrispondenza dei solchi prodotti dalla posa dei cavi in fibra ottica è stata ultimata nel mese di aprile u.s., e, quindi, 6 mesi dopo la precedente sistemazione degli scavi.

7. La segnaletica relativa alla Traversa di Via Ugolini risulta non solo deteriorata, ma anche strutturalmente inadeguata, così da rendere questa strada difficilmente identificabile anche per i mezzi di pubblica utilità.

8. La medesima Traversa di Via Ugolini fa registrare gravi condizione di degrado in riferimento tanto all’usura della pavimentazione stradale quanto all’incuria correntemente riservata ai transiti pedonali.

9. Viene segnalata l’opportunità di creare un varco tra Piazza Castagnino e la traversa di Via Piacenza, così da facilitare il recupero dell’automobile per i genitori che accompagnano i figli alla scuola elementare di Piazza Sanfront.

10. Viene segnalata l’opportunità di installare un segnalatore di preavviso per il semaforo posto in Viale Kasman all’altezza della caserma dei Vigili del Fuoco.

11. Viene segnalata l’opportunità di posizionare dissuasori di velocità in Viale Kasman – direzione Sud- Nord – in prossimità della rotonda di accesso al Ponte della Maddalena.

12. L’abitudine, da parte di alcuni proprietari di cani, a lasciare i loro animali in libertà crea condizioni di insicurezza diffusa.

13. Il marciapiede e anche parte della sede stradale della carreggiata Nord – Sud di Viale Kasman versano in condizioni igieniche pietose.

Quartiere di Caperana.

1. Lungo la strada che conduce da San Lazzaro a Ri Alto e Leivi sono presenti alcune discariche abusive.

2. Un significativo tratto della medesima strada versa in condizioni di grave dissesto.

3. Ancora nella medesima strada si trovano mezzi per la movimentazione terra in stato di abbandono.

4. Ampi tratti di Via Parma sono privi di marciapiede.

5. Il manto stradale di Via Parma risulta, da anni, fortemente deteriorato. Buche e avvallamenti costituiscono un rischio per la sicurezza, soprattutto, per chi utilizza biciclette e motorini.

6. Un elemento di forte criticità e preoccupazione per gli abitanti di Caperana è costituito dalla scarsa pulizia dei rivi che scendono dalle colline e che, in caso di forti piogge, trasportano detriti di ogni genere, così da creare le condizioni favorevoli ad allagamenti.

7. La situazione di profonda pericolosità appena segnalata risulta ulteriormente aggravata dall’incuria in cui versano gli accessi al fiume dei medesimi rivi.

8. Il traffico in Via Parma assume, specialmente nelle ore serali, caratteri di marcata pericolosità anche per la totale assenza sia di indicazioni in ordine ai limiti di velocità sia di dissuasori.

9. La disponibilità di cestini per i rifiuti risulta molto limitata e, comunque, inadeguata a garantire le condizioni necessarie di pulizia ed igiene.

10. La mobilità pedonale ed, in particolare, quella delle persone anziane o in condizioni di disabilità è fortemente ostacolata da pratiche costanti di parcheggio selvaggio.

11. Alcuni tratti del lungofiume propongono condizioni di grave pericolo per chi vi transita.

Quartiere di San Pier di Canne.

1. Il nuovo argine sul torrente Rupinaro desta forti preoccupazioni circa la sicurezza. Si tratta, infatti, di una struttura in cemento armato con aperture per il deflusso delle acque di soli 40 cm di diametro.

2. Si lamenta la mancata creazione di una pista ciclabile nella parte della sede stradale di Via Santa Chiara non più asservita a parcheggio per auto.

3. Le attività di vigilanza da parte della Polizia Municipale vengono indicate come troppo sporadiche.

4. Il ponte alla confluenza tra il torrente Rupinaro e il rio Campodonico necessita di interventi urgenti in quanto, per le sue caratteristiche costruttive, accentua i rischi di esondazione dei rivi.

5. La cura inadeguata di alcune piante piantumate in corrispondenza della residenza protetta delle Dame e Damine di San Vincenzo rende difficoltoso l’utilizzo dei relativi marciapiedi alle persone anziane o in condizione di disabilità.

6. Viene segnalata l’esigenza di una verifica in ordine all’anomala curvatura del muro di contenimento nei pressi di Villa Clotilde in Via Santa Chiara.

7. Viene lamentata l’assenza di interventi sul torrente Rupinaro all’altezza dello stabilimento Lames.

8. Resta invariata la necessità di interventi strutturali sui flussi di traffico, che risultano sempre pesanti per la viabilità del quartiere.

9. Viene segnalata la rumorosità di alcuni insediamenti produttivi collocati tra gli stabilimenti Lames e il confine con il territorio del Comune di Leivi.

10. I due attraversamenti pedonali in prossimità degli stabilimenti Lames risultano spesso occupati da autoveicoli: risulta auspicabile una tutela della loro funzionalità attraverso il posizionamento di “panettoni”.

11. Le abitazioni di edilizia popolare del quartiere necessitano di urgenti lavori di manutenzione.

12. Il sistema di illuminazione pubblica presenta, nella zona della Franca, gravi inadeguatezze strutturali in riferimento sia all’ampiezza della copertura sia alla vetustà dei corpi illuminanti ancora ad alto consumo.
13. Alcune pavimentazioni stradali risultano pericolosamente deteriorate.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fuori Classe

Fuori Classe

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Arcipelago PD

manifesto rodriguez

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

INCONTRI CON I QUARTIERI

lungo le strade

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

8 settembre

8 settembre

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Festa de l’Unità Chiavari 2015

Adobe Photoshop PDF

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

DOPO DI NOI il percorso di vita dei disabili tra famiglia e comunità

Copia di man_generico_PD_2015_B

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

la buona SCUOLA

si può scaricare materiale a questo link:

https://labuonascuola.gov.it/documenti/La%20Buona%20Scuola.pdf

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Le scuole a Chiavari: una prospettiva di sistema

rossetti ottobre 2014

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento